Differenza fra Sunniti e Sciiti

Video : le differenze fra sunniti e sciiti in 2 minuti

http://www.lastampa.it/2015/11/26/multimedia/esteri/la-differenza-tra-sunniti-e-sciiti-spiegata-in-con-unanimazione-ycZHGoQGC83cH5CMe2hugJ/pagina.html

Le sanguinose guerre in corso in Siria, Iraq, Yemen e altri Paesi musulmani nascono da due visioni, quella sunnita e quella sciita, islamiche che si confrontano da 1400 anni. Il punto cruciale della discordia è su chi sia e che ruolo debba avere il khalifa, il califfo, cioè il successore di Maometto.

Tutto comincia l’imam Hussein, considerato dagli sciiti vero erede del Profeta ma trucidato nel 680 a Karbala, in Iraq.

Il profeta e il califfo

1) Maometto, Muhammad (570-632 dopo Cristo), per i musulmani è il Profeta incaricato da Dio (Allah) di diffondere la sua Parola, il Corano. Nomina califfo (khalifa, successore) Abu Bakr, uno dei primi compagni. I sunniti aderiscono a questa linea di successione.

2) Gli sciiti non riconoscono come successore Abu Bakr ma Ali, cugino e genero di Maometto

Origine del nome

1) Il nome sunnita viene da sunna, la tradizione dei detti (ahadith) di Maometto

2) Il nome sciita viene da Shiat Ali, «Partito di Ali”

Pilastri del culto

1) Per i sunniti sono 5: la testimonianza di fede, al-shahada; la preghiera rituale, al-salah; l’elemosina canonica, al-zakah; il digiuno durante il Ramadan, sawm; il pellegrinaggio a Mecca, hajj.

2) Nello sciismo ci sono 10 pilastri: fra gli altri, la tawalla, esprimere l’amore per il bene; tabarra, esprimere odio per il male

Atteggiamento nella preghiera

1) I sunniti pregano con le mani congiunte all’altezza del diaframma. Per la Professione di fede si ripete la formula: «Testimonio che non c’è divinità se non Iddio, e Muhammad è il suo Profeta». È la frase che vediamo anche sulle bandiere dell’Isis

2) Alla shahada gli sciiti aggiungono «e Ali ibn Abi Talib è amico di Dio». Gli sciiti pregano con le mani in parallelo rispetto al corpo, davanti alle cosce. Finisce pronunciando tre volte il takbir («Allahu akbar).

Feste

1) I sunniti celebrano solo due feste: Eid al-Fitr, che segna la fine del mese di digiuno, e la Eid al-Adha, festa del sacrificio, alla fine del pellegrinaggio (hajj) alla Mecca.

2) Gli sciiti festeggiano in particolare l’ Ashura, in cui viene ricordato il martirio di Hussayn a Karbala.

Cibi e bevande

1) Vietata la carne di maiale e l’alcol.

2) Non ci sono differenze con il sunnismo.

Velo islamico

1) L’uso del velo è obbligatorio in base a due sure del Corano. Ma le versioni più rigide, come niqab e burqa sono diffuse in Paesi sunniti come l’Afghanistan

2) In Iran, il più grande Paese sciita, il velo più usato è lo hijab

Diffusione

1) La maggior parte dei musulmani è sunnita, l’80% del totale.

2) Il 15% dei musulmani è costituito da sciiti. Lo sciismo è diffuso in Iran (90%), Iraq (55%), Pakistan (20%), Arabia Saudita (15%), Bahrein (70%), Libano (27%), Yemen (50%), Siria (15%)

Clero

1) Fra i sunniti non c’è clero. L’imam è colui che guida la preghiera

2) Lo sciismo ha un clero organizzato, preparato in università specifiche di scienze islamiche

Di Giordano Stabile, Ugo Leo e Samuele Pozzato

facebook

RSS da ACLI MIlano:

Cose da conoscere

Link suggeriti

Lettera Mensile

SERVIZI ACLI

tesseramento

Statuto

Statuto

SERVIZI ACLI

Link suggeriti

contattaci a :

acli.cernuscosulnaviglio@gmail.com

Lettera Mensile

tesseramento

Cose da conoscere